Scheda produttore: Cantina Fratelli Pardi Torna indietro

(a cura della Redazione Top Italian Wine)

Una passione persa e poi ritrovata. Si potrebbe sintetizzare così la vicenda della Cantina Fratelli Pardi di Montefalco. È una storia che comincia all'inizio del secolo scorso, per la precisione nel 1919, quando i tre fratelli Pardi, Alfredo, Francesco e Alberto, fondano la loro cantina, ospitata nel complesso di San Francesco, e cominciano l'attività.
Da Montefalco i vini dei fratelli Pardi, ottenuti sia da uve proprie che con altre acquistate in zona, vengono venduti in tutta l'Umbria con qualche puntata anche fuori regione, fino a raggiungere anche il Vaticano. Che i Pardi lavorassero bene è dimostrato anche dal premio vinto nel 1925 alla Mostra Olii e Vini Umbro-Sabina.
Già allora il Sagrantino era il protagonista assoluto: un Sagrantino che all'epoca era sinonimo di passito.
Subito dopo la guerra, con la morte di Alberto Pardi e l'avanzare dell'età degli altri due fratelli, comincia il periodo di «crisi» della vocazione vitivinicola della famiglia, che lascia l'attività agricola per dedicarsi, a partire dal 1949, alla produzione di tessuti.
In realtà il distacco dal mondo del vino non è totale perché Rio Pardi, figlio di Alberto, continua a produrre Sagrantino: piccole quantità, ma sufficienti per rifornire il proprio negozio di generi alimentari a Montefalco e, soprattutto, a non recidere del tutto il filo della tradizione.
E così succede che nel 1990 l'azienda tessile di famiglia si trasferisca in una nuova sede e in quella storica di via Giovanni Pascoli a Montefalco, ristrutturata nel 2002, il germe della passione per le vigne e il vino germoglia nuovamente
Nel 2003 Francesco, Gianluca Rio e Alberto Mario Pardi, i pronipoti dei fondatori, inaugurano la nuova cantina dove l'uva proveniente dagli 11 ettari di vigneti situati sulle colline di Montefalco viene vinificata e i vini affinati sia in barriques, sia nelle grandi e tradizionali botti di rovere.
Il Sagrantino è sempre protagonista e la famiglia Pardi non ha perso la sua passione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA