Scheda produttore: Les Cretes Torna indietro

(a cura di Franco Ziliani)



Nel panorama, non ricchissimo, ma fortunatamente in aumento nel corso dell’ultimo decennio, delle aziende valdostane, con le sue 230.000 bottiglie annualmente prodotte, Les Crêtes, nata nel 1989 ad Aymavilles a nord di Aosta, è la più grande azienda privata operativa sul territorio regionale. Creata da Costantino Charrère, già professore di ginnastica e maestro di sci, ed erede di una dinastia che da cinque generazioni si occupa di produzioni agroalimentari, Les Crêtes è stata la continuazione del lavoro appassionato di produttore di vino svolto nelle antiche cantine di Via Moulins da Antoine Charrère, che già negli anni Sessanta scelse una strada pioneristica del vino di assoluta qualità con crus vinificati separatamente, l’indicazione delle posizioni geografiche di ciascun vigneto e soprattutto la scelta di campo di mantenersi fedele a quei vitigni autoctoni come il petit rouge, il fumin, il prié rouge, il tinturier, la premetta, che segnano la grandezza e la biodiversità della produzione vitivinicola vallesana. In poco più di vent’anni, quando a Costantino Charrère e alla moglie Imelda sono entrate in azienda anche le figlie Elena ed Eleonora, l’impegno produttivo è cresciuto ed i vigneti ad elevate densità di impianto posti lungo l’asse orografico della Dora Baltea nei comuni di Saint Pierre, Aymavilles, Gressan, Sarre, Aosta e Saint Christophe, hanno raggiunto l’estensione, considerevole data l’alta frammentazione delle superfici vitate, di 25 ettari. Cuore dell’azienda, dove è collocata anche la cantina, la splendida e panoramica collina del Côteau la Tour caratterizzata da una torre medievale, abitata sino al secolo scorso da un eremita del villaggio, ben visibile alla sinistra dell’uscita del casello Aosta ovest, arrivando da Torino. Pioniere della filosofia dei vini naturali Charrère si è fortemente impegnato per difendere la specificità dei piccoli vignaioli indipendenti sia a livello regionale, nell’associazione dei Viticulteurs Encaveurs, sia nazionale, come presidente della Fivi. Nella gamma produttiva aziendale accanto ai vini da autoctone (Petit Rouge, Fumin, Petite Arvine, Gros Rouge, Cornalin, Mayolet, Prëmetta) hanno spazio e offrono ottimi risultati vini da vitigni internazionali (Pinot Noir, Chardonnay, Syrah).




© RIPRODUZIONE RISERVATA