Scheda etichetta Torna ai risultati
Chambave Moscato Passito Prieuré 2011

€ 22,16

Aggiungi

Disponibilità: Questo prodotto non è più disponibile

Avvisami quando disponibile

Chambave Moscato Passito Prieuré 2011

DOC Valle d'Aosta o Valee d'Aoste

La Crotta di Vegneron

  • Tipologia Bianco Dolce
  • Regione Valle d'Aosta
  • Uvaggio Moscato Bianco 100%
  • Alcol % Vol14.5%
  • Formato (L)0.375

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere 2 punti fedeltà (regolamento).


Presentazione

Il Passito di Chambave vanta un’antica tradizione che risale nientemeno che al 1494 quando Giorgio di Challant offrì a Carlo VIII, Re di Francia, il Moscato Passito di questo villaggio valdostano, ma il vino pare venisse prodotto in tempi ancora più antichi. Il vino nasce dall’appassimento attento, che si protrae per periodi che cambiano a seconda dell’andamento dell’annata, di uve Muscat de Chambave, provenienti da vigneti allevati a Guyot con alta densità per ettaro (da 6500 a 8000 piante) posti da 450 a 680 metri di altezza, con esposizione sud-est, sud-ovest e nord-est situati nei comuni di Chambave, Saint Denis, Châtillon, Verrayes, su terreni morenici, sciolti, sabbiosi, in forte pendenza. La raccolta delle uve viene effettuata in periodi diversi, a seconda dell’altezza dei vigneti, dal 20 settembre sino alla prima settimana di ottobre, con un’attenta selezione dei migliori grappoli per maturazione e per integrità della buccia. La vinificazione e l’affinamento avvengono esclusivamente in acciaio, con macerazioni pellicolari pre-fermentative a freddo della durata di 36/48 ore e le fermentazioni possono protrarsi anche per un mese. L’affinamento dura 12 mesi, conservando il vino sulle fecce di fermentazione con frequenti “batonnages”. 

 

Intervista al produttore a cura della Redazione di Top Italian Wine

Passiti: non solo cantuccini e pasta di mandorle, please! A cura di Franco Ziliani

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Note di degustazione

Questo Moscato passito di Chambave affascina sin dal primo impatto visivo, grazie al suo colore dorato intenso, brillante di mille riflessi e luminoso e continua a colpire ancora di più una volta portato il bicchiere (servire da 12 a 14 gradi) al naso e lasciando esprimersi tutta la ricca tavolozza di profumi che variano dalle note fruttate, mature al punto giusto e non sovramature e fresche, di albicocca e pesca, mandorla ed erbe aromatiche, fiori di montagna e miele d’acacia, in una sequenza nitida e di grande fragranza. Al gusto il vino è avvolgente, caldo e moderatamente alcolico, suadente sul palato, cremoso e rotondo, senza spigoli anche se la materia è ravvivata e vitalizzata da un’acidità ben bilanciata. Il finale è lunghissimo, persistente, dolce ma in maniera estremamente elegante ed equilibrata. Un passito da abbinare a dolci secchi, fantastico l’abbinamento alle caratteristiche “tegole” valdostane, ma da gustare anche su formaggi erborinati e leggermente piccanti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le vostre recensioni Aggiungi una recensione

Scrivi il tuo commento

Chambave Moscato Passito Prieuré 2011

Chambave Moscato Passito Prieuré 2011

Scrivi il tuo commento

Il tuo commento verrà pubblicato il prima possibile

PayPal